Briciole di pane

15/03/19 11.56

Open BIM, Open Mind

 

Net Service sarà Official Sponsor della 2ª Conferenza Nazionale di IBIMI – bS

iBIMi è l’associazione di professionisti, senza scopo di lucro, divenuta punto di riferimento, nazionale e internazionale, per la promozione dell’Open BIM.
Come spiega l’associazione nelle pagine del proprio sito, per Open BIM (Building Information Modelling) si intende «la capacità di tutti i professionisti che intervengono nella progettazione, realizzazione, gestione, manutenzione e smaltimento di un’opera edile e civile, di integrarsi tra loro per condividere e scambiare dati tecnici attraverso l’uso di software interoperabili e basati su standard internazionali».

La conferenza nazionale in programma a Roma il prossimo 9 Aprile 2019, presso l’Auditorium della CNA Nazionale, vuole quindi essere un’opportunità di confronto e un’occasione sia per fare il punto sullo stato dell’arte nel BIM in Italia, sia per promuovere lo scambio di competenze multidisciplinari utili al miglioramento e diffusione di questa metodologia progettuale che sta rivoluzionando il mondo dell’edilizia. Quella proposta da IBIMI-bS durante l’evento romano, intitolato Open BIM, Open Mind –  a cui parteciperanno note personalità del mondo scientifico, industriale e della Pubblica Amministrazione –, sarà pertanto una visione olistica del BIM, in cui i processi Produttivo, Formativo, Gestionale e Strumentale rappresenteranno «gli ambiti di governo dei progetti BIM, di cui bisogna tener conto per la corretta diffusione, condivisione ed il successo del BIM in Italia». Un’iniziativa che, messa in questi termini, non poteva certo lasciare indifferente Net Service.

La strada del BIM e quella di Net Service sembrano infatti destinate a incrociarsi, soprattutto per quanto concerne gli ambiti Gestionale e Strumentale.  

Forte della sua ventennale esperienza nella progettazione e nello sviluppo di sistemi IT innovativi, aperti e dotati delle migliori tecnologie anti-intrusione, l’azienda bolognese si propone già da tempo come system integrator, dunque il suo apporto potrebbe risultare molto utile in questo settore nascente. Il processo gestionale del BIM dovrà infatti essere supportato da evoluti Document Management System, in grado di velocizzare l’interscambio di informazioni tra il modello BIM e i flussi documentali ad esso associati e, parallelamente, di agevolare la formazione di un Fascicolo Unico del fabbricato che consenta un ulteriore risparmio dei costi di gestione. Un’esigenza che Net Service, ormai una specialista nella semplificazione di processi complessi, ha intercettato ormai da tempo e a cui risponde quotidianamente sviluppando, per altri settori, piattaforme sia Open Source sia proprietarie che permettono la massima integrazione e interoperabilità tra sistemi.

Un’altra spinta alla diffusione del BIM in Italia potrebbe arrivare dall’applicazione delle nuove tecnologie Blockchain (DLT – Distributed Ledgers Technology), altro ambito di ricerca nel quale Net Service ha investito molto negli ultimi anni. Il BIM, infatti, prevede l’accesso collaborativo alla stessa base informativa, di conseguenza la tecnologia Blockchain potrebbe contribuire alla risoluzione di quelle problematiche, ancora aperte, legate all’utilizzo del BIM: proprietà intellettuale, accesso sicuro e controllato all’informazione, definizione di responsabilità, ecc. Inoltre, grazie agli Smart Contracts, potrà essere ulteriormente allargata la portata della rivoluzione a tutti i processi connessi (manutenzione, Supply Chain, autorizzazioni). Tematiche, possibilità e prospettive su cui è già al lavoro il laboratorio sulla Blockchain localizzato presso la società Flosslab, nata come spin-off in seno al gruppo di Ricerca in Ingegneria del Software dell’Università di Cagliari ed entrata a far parte del Gruppo Net Service nel giugno del 2018.

News correlate

Risorse correlate

thumbnail

L'azienda bolognese ha ottenuto la qualifica di full member di Infrachain, il consorzio internazionale volto a promuovere l’utilizzo della Blockchain.

thumbnail

Azienda informatica, spin off dell’Università di Cagliari, FlossLab vanta tra i suoi asset un laboratorio di eccellenza per la Blockchain.